L’AGIFAR NAPOLI PARTECIPA AL PATTO CON I GIOVANI AL FIANCO DI UNICEF

L’Agifar Napoli ha partecipato lo scorso 8 luglio, ad una manifestazione che rappresenta un primo passo di un lungo cammino al fianco di Unicef e dei bambini che si spera dia seguita a molteplici e diverse iniziative. In questa data nella Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo (sede del Comune di Napoli) è stato siglato il patto con i giovani, che ha dato vita al tavolo di coordinamento promosso dai Comitati Unicef Campania e Napoli, in sinergia con l’Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli e sedici sigle di giovani professionisti, imprenditori, commercianti e associazioni di club service del territorio partenopeo, tra cui appunto l’Agifar Napoli. Nasce così un coordinamento stabile per contribuire sul piano umano e professionale alla mission dell’Unicef e supportare il Fondo delle Nazioni Unite nella quotidiana battaglia per la tutela dei diritti dei bambini e adolescenti nel Mondo.
Il protocollo d’intesa, molto apprezzato anche dal Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, è stato sottoscritto nel corso del convegno su “strabismo umanitario e desiderio di legalità”, moderato da Ettore Nardi, Consigliere dell’Ordine degli Ingegneri e coordinatore del Tavolo, al quale hanno preso parte la Presidente Unicef Campania, Margherita Dini Ciacci, il Presidente Unicef Napoli, Mimmo Pesce, l’Assessore ai Giovani del Comune di Napoli, Alessandra Clemente, il giornalista Rai, Michele Cucuzza e Luigi Di Cicco, autori del libro Gramigna, che racconta la vera storia di un figlio di un boss animato dal desiderio di legalità e che a breve, con il patrocinio Unicef, sarà portato nelle sale cinematografiche grazie all’impegno del regista Sebastiano Rizzo, della Klanmovie production e dell’attore e ambasciatore Unicef, Mario Porfito. Al loro fianco i primi firmatari del tavolo di coordinamento in rappresentanza delle più importanti componenti giovanili di Napoli e della Campania, tra le quali Unione Industriali, Confcommercio, Confapi, Associazione Costruttori, Ordine dei Giornalisti e degli Architetti, il Forum Regionale della Gioventù della Campania, le associazioni dei giovani Avvocati, Ingegneri, Commercialisti, Farmacisti, Notai, l’associazione Unico Vomero ed ovviamente i Leo e Rotaract. Un tavolo sempre aperto ad altre realtà territoriali e proprio la presidente Unicef Campania ha annunciato l’adesione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Ministero dell’Istruzione, guidato in Campania dalla dottoressa Franzese.
A conclusione dell’iniziativa la Presidente Dini Ciacci ha dichiarato: “In un mondo sempre più lacerato da antistorici razzismi è fondamentale recuperare i valori della fratellanza e della solidarietà per legare i giovani del mondo – Napoli ne ha quattrocentomila – perché insieme, unico popolo della terra costruiscano il futuro delle nuove Città nella civiltà dell’amore e dell’umana convivenza”. La nostra Socia Consigliere Stefania Scialò che ha partecipato al convegno sottolinea: “La forza di questo patto è che ognuno degli aderenti può organizzare iniziative in collaborazione con l’Unicef in autonomia ma partecipare anche a quelle poste in essere da qualche altra sigla e cercare di inventarci anche qualche cosa di comune. Siamo partiti con il piede giusto da questo punto di vista, infatti al termine del convegno qualche idea già è stata discussa e proposta, infatti la dott.ssa Silvana Galli, referente Unicef per Napoli e la Campania, invierà al nostro Presidente che porterà in consiglio la proposta per implmentare il progetto, le informazioni circa la richiesta di creare un’unità mobile di assistenza sanitaria e la raccolta di farmaci. Inoltre si è parlato anche di richiesta informazaioni alla Presidente dei Giovani Industriali di Napoli, dott.ssa Susanna Moccia, per una vecchia versione del protocollo d’intesa Unicef-Supermercati, al Presidente dei Giovani Commercialisti di Napoli, dott. Matteo De Lise, per i dati relativi al 5 per mille Unicef, al Presidente Nazionale dei Giovani Notai, dott. Ludovico Capuano, sul testamento a favore di Unicef.”

Lascia un commento