COMUNICATO STAMPA

Si è concluso questo fine settimana la manifestazione di Cosmofarma Exhibition. Grande successo di pubblico e largo interesse dei colleghi per il Convegno dei giovani Farmacisti dal titolo Il farmacista clinico: una nuova frontiera della professione.
Questa nuova figura che si apre per la professione rappresenta una possibile evoluzione legata allo scenario sociale che si apre oggi.

È il modo più idoneo per la presa in carico del paziente, per permettergli di fare prevenzione e accompagnarlo nella sua terapia, correggendo il tiro nei casi di una terapia non perfettamente rispondente alle esigenze del paziente e aiutandolo a risolvere quei problemi di compliance che riducono l’aderenza alla terapia vanificando l’ottenimento del risultato sperato. Stiamo operando attraverso la validazione del metodo scientifico e le istituzioni di linee guida adeguate, sottolinea il Prof. Corrado Giua, Presidente della Sifac, e i primi risultati concreti sono stati presentati attraverso la relazione che la dott.ssa Capuani, farmacista clinico, ha portato in aula sulle patologie gastro intestinali.

Un ulteriore importante contributo è stato offerto dall’intervento della dott.ssa Carla Bruschelli, medico di famiglia ed Esperta in Comunicazione Sanitaria, che ci ha illustrato come il momento sia maturo perché medico e farmacista non siano più l’uno contro l’altro. Inoltre una loro attiva collaborazione non fa che migliorare le opportunità per le due professioni, oltre ad alimentare la capacità di essere più rispondenti e risolutivi verso le necessità della popolazione.

Ha chiuso il Convegno il Prof. Mascia, il quale ha messo in evidenza come questa sinergia di intenti porti per il SSN un sicuro risparmio.
Tutto questo però passa da un empowerment del cittadino. Questo deve essere consapevole che le esigue risorse dello Stato devono essere ottimizzate al meglio per continuare a garantire un diritto alla salute che passa attraverso il sostegno Pubblico.

Il presidente
Pia Policicchio

Lascia un commento